Polso

Tunnel carpale

La Sindrome del Tunnel Carpale è una malattia causata dalla compressione di un nervo, il nervo mediano, che attraversa il polso all’interno di un canale chiamato Tunnel Carpale. Si definisce Tunnel Carpale una regione anatomica situata a livello della base del palmo della mano e delimitata su tre lati dalle ossa del carpo e sul quarto lato da un legamento molto spesso chiamato Legamento Trasverso del Carpo. Il nervo mediano insieme a nove tendini flessori scorre in questo canale. Il nervo mediano controlla la sensibilità del pollice, dell’indice, del medio e di una parte del dito anulare e i movimenti legati all’attività dei piccoli muscoli, chiamati muscoli tenari, situati alla base del pollice. La sindrome del Tunnel Carpale è una malattia molto frequente. Attività lavorative che comportano movimenti ripetitivi delle dita e del polso possono essere la causa della infiammazione dei tendini flessori all’interno del canale e quindi della sofferenza del nervo mediano. Le donne vengono colpite frequentemente durante la gravidanza a causa della ritenzione di liquidi che determina un aumento di volume all’interno del canale. Spesso la soluzione è chirurgica se la fisioterapia e gli esercizi terapeutici non sortiscono gli effetti sperati.

De Quervain

Per sindrome di De Quervain si intende una forma particolare di tendinite (infiammazione del tendine), caratterizzata da restringimento (stenosi) o tumefazione dell’estensore breve e dell’abduttore lungo del pollice. Riguarda la guaina dei tendini estensori del pollice, che si trova a livello della stiloide radiale. Se si verifica una discrepanza tra contenente e contenuto, il tendine non riuscirà più a scorrere liberamente creando dolore nei movimenti di estensione del pollice. La malattia consegue spesso a microtraumatismi ripetuti, dovuti a movimenti di flesso-estensione del pollice come quelli che si determinano in attività quali cucire, usare il mouse o la tastiera del PC, suonare uno strumento. Può inoltre essere correlata alle patologie tendinee del gomito come epicondilite ed epitrocleite. Si cura con la fisioterapia e raramente si opera.

Traumi distorsivi

“Si intende per distorsioni l’insieme delle lesioni capsulo-legamentose prodotte da una sollecitazione che tende a modificare i reciproci rapporti dei capi articolari.
Anche il polso può essere coinvolto in tali traumi che possono provocare effetti lesivi sulla sua struttura osteo – legamentosa. Nel polso si articolano l’estremità distale del radio e dell’ulna con otto ossa del carpo. Tutte queste strutture sono collegate tra di loro da un complesso sistema legamentoso. L’integrità dei legamenti del polso è indispensabile affinché i movimenti avvengano in una situazione di stabilità. Durante una caduta, evento frequente sia nella vita di tutti i giorni che nelle più svariate attività sportive, la risposta naturale è quella di proteggersi nel momento dell’impatto a terra con una o entrambe le mani. L’urto con il terreno può determinare un semplice allungamento o una vera e propria rottura dei legamenti.
Si ha così la distorsione e il polso si gonfia con dolore che compare immediatamente.”

Tendinite

Con il termine di tendinite si intende il processo di infiammazione di uno o più tendini. Va premesso che questa delicata articolazione viene sollecitata spesso durante la giornata, sia per compiere i semplici gesti quotidiani, sia più spesso per motivi atletici. Sono molti infatti gli sportivi che, cimentandosi nelle varie discipline, sottopongono i polsi a sovraccarichi. Le persone che “rischiano” di più sono proprio quelle che lavorano usando le mani con gesti ripetitivi. L’infiammazione può interessare sia l’inserzione del tendine sull’osso (giunzione osteo – tendinea), sia un qualsiasi punto del tendine; alcune volte può interessare anche “la guaina” che lo protegge, ma in quel caso è più corretto parlare “tenosinovite”. I tendini coinvolti più frequentemente sono i flessori e gli estensori della mano e delle dita.

Artrosi

“Dal punto eziopatogenetico nell’ambito delle articolazioni dell’arto superiore , rappresenta l’8% come frequenza di localizzazione.
Nel contesto delle artrosi del polso, vengono considerate, oltre alla patologia a carico dell’articolazione radio carpica anche quelle a carico delle varie articolazioni del carpo sia individualmente che in più sedi contemporaneamente. Si può suddividere dal punto di vista di classificazione in due forme:
PRIMARIA
è molto rara e come artrosi del polso primaria la letteratura definisce, come uniche localizzazioni quella tra scafoide-trapezio – trapezoide , acronimo STT e la piramidale – pisiforme, acronimo PT. C’è in letteratura non completo accordo di una localizzazione pura della STT senza la con presenza della trapezio-metacarpale TM.
SECONDARIA
è la forma più frequente con massima rappresentazione per l’articolazione radio-carpica. In base alla classificazione patogenetica ci sono due grandi gruppi:
1) post-traumatiche,
2) da malattie metaboliche.
1) Quelle conseguente ad un evento traumatico sono quelle più frequenti e la causa principale è la lesione legamentosa venutasi a determinare con il trauma. A livello della radio carpica, il legamento lesionato è lo scafo-lunato il quale è responsabile dell’inizio della disgiunzione tra scafoide e semilunare.
Altra causa di collasso carpale è quando si hanno i postumi di una frattura dello scafoide che esita in pseudoartrosi e il polo prossimale dello stesso diventa l’elemento di instabilità tra scafoide e semilunare determinando un collasso carpale ( SNAC). Anche gli esiti gravi della malattia di Kiembock ( classificazione IIIB-IV) a causa della necrosi del semilunare e poi del suo collasso, causa una destabilizzazione carpale e si assiste ad una progressiva migrazione prossimale del carpo con conseguenti degenerazioni artrosiche a livello della radio-carpica e medio carpica. Altra causa di artrosi del polso sono le fratture articolari dell’epifisi distale del radio non ben curate.
2)Tra le varie malattie metaboliche la Condrocalcinosi detta anche pseudo gotta e la Gotta sono le cause più frequenti.
Instabilità legamentosa
L’articolazione critica nei casi di instabilità del polso e la scafo – lunata tra scafoide e semilunare la cui integrità è fondamentale per avere un amano “abile”. Le lesioni del legamento avvengono più che altro a causa di traumi o sovraccarichi funzionali e spesso necessitano di riparazione chirurgica. “

Tunnel carpale

La Sindrome del Tunnel Carpale è una malattia causata dalla compressione di un nervo, il nervo mediano, che attraversa il polso all’interno di un canale chiamato Tunnel Carpale. Si definisce Tunnel Carpale una regione anatomica situata a livello della base del palmo della mano e delimitata su tre lati dalle ossa del carpo e sul quarto lato da un legamento molto spesso chiamato Legamento Trasverso del Carpo. Il nervo mediano insieme a nove tendini flessori scorre in questo canale. Il nervo mediano controlla la sensibilità del pollice, dell’indice, del medio e di una parte del dito anulare e i movimenti legati all’attività dei piccoli muscoli, chiamati muscoli tenari, situati alla base del pollice. La sindrome del Tunnel Carpale è una malattia molto frequente. Attività lavorative che comportano movimenti ripetitivi delle dita e del polso possono essere la causa della infiammazione dei tendini flessori all’interno del canale e quindi della sofferenza del nervo mediano. Le donne vengono colpite frequentemente durante la gravidanza a causa della ritenzione di liquidi che determina un aumento di volume all’interno del canale.

Contattaci

Hai già l’impegnativa del medico di base?

SiNo
Dichiaro di aver preso piena visione del documento Privacy.